UNA SFIDA: CAMPO CLAN SCOUT

Route lungo l'Appennino tosco-emiliano  -  25-31 luglio '09



Quest’anno il campo del clan Nuovi Orizzonti ha avuto luogo dal 25 al 31 luglio in Emilia-Romagna, lungo l’Appennino tosco-emiliano.
Noi, rover e scolte, siamo subito partiti con l’idea di fare un campo di “strada”, ovvero itinerante. La route era una novità per tutti, dal momento che nessuno di noi aveva ancora fatto un campo di questo tipo, e proprio per tale motivo la tematica su cui abbiamo deciso di improntare questa nostra esperienza è stata la SFIDA, chiave di lettura con cui abbiamo vissuto le nostre giornate.
Per la preparazione ci siamo divisi in due gruppi: il primo avrebbe curato le tematiche e le attività mentre il secondo si sarebbe occupato della logistica.
Con l’aiuto di Don Fabio, la supervisione dei capi e la consultazione di libri vari, si è ideato e realizzato il libretto che ci ha accompagnato per tutta la settimana.
Abbiamo assegnato ad ogni giornata un tema diverso, tra cui “la conoscenza di sé”, “l’ascolto” e “l’essenzialità”; in questo modo la sfida non era solamente un tema legato alla fatica della strada, ma era diventato anche motivo di riflessione personale.
Il gruppo logistica invece si è occupato della scelta dell’itinerario, della realizzazione delle mappe e della gestione delle scorte alimentari... tutto rigorosamente da portare sulle nostre spalle!!
La mattina del 25 luglio, con gli zaini straripanti (senza contare le tende!), ci siamo apprestati a salire sul treno che ci avrebbe portato alla stazione di Porretta Terme, vero punto di partenza della nostra route.
I giorni sucessivi sono stati un continuo saliscendi tra i pendii emiliani, e ogni volta, raggiunta la meta prefissata, dovevamo mobilitarci alla ricerca di un luogo dove passare la notte.
Fortunatamente non è mai stata un’impresa troppo ardua, data la disponibilità degli abitanti del luogo, più che contenti di ospitare un clan, con tende a seguito, nei loro giardini. Alla sera del quarto giorno, sfiniti, ci siamo trascinati fino a Rocca Corneta, dove avremmo prestato servizio presso un’azienda di agricoltura bio-dinamica. Lì abbiamo zappato, curato piante come ortiche, melissa, ribes, e raccolto piante officinali, come la cicoria. Come premio per il duro lavoro nei campi, a fine giornata avevamo una stupenda abbronzatura con tanto di segno di pantaloncini e magliette, da sfoggiare nei gelidi bagni ristoratori nel torrente... lasciamo spazio all’immaginazione...
A malincuore giovedì 30 siamo dovuti ripartire alla volta di Silla, meta finale del nostro viaggio, dove Fra Giovanni, un francescano venuto dalla Toscana appositamente per noi, ha officiato la Messa.
Com’era evidente anche dal clima che si respirava negli ultimi giorni è stato un campo capace di unirci tantissimo, grazie alle esperienze condivise, e che ha creato un’atmosfera di complicità e amicizia che ci ha accompagnati lungo tutto il viaggio di ritorno.

Il Clan/Fuoco Nuovi Orizzonti